Go to Top

Elena Bresciani

Photo by Rita Formisano PH

Elena Bresciani

Photo by Rita Formisano PH

Elena Bresciani

Photo by Rita Formisano PH

ABOUT Cantante lirica, intellettuale ed acquerellista italiana.
Mezzosoprano, vincitrice di concorsi internazionali ha già cantato in Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Svizzera, Bulgaria, Albania, presso importanti sedi: Weill Recital Hall della Carnegie Hall di New York, Teatro Donizetti di Bergamo, Hertford Music Society di Oxford, Sala Alfredo Piatti di Bergamo, Varna Palace of Culture in Bulgaria, Festival Internazionale dei Cantanti Lirici “Marie Kraja” di Tirana (in diretta TV), Teatro Moriconi e Teatro Pergolesi di Jesi per la Fondazione Pergolesi Spontini, Teatro Goldoni di Livorno, Duomo di Cremona, Basilica di Santa Maria delle Grazie a Bergamo, Basilica di Santa Sabina all’Aventino Roma (in occasione del Giubileo 2000), Teatro Bibiena di Mantova, Festival G.B. Rubini, Festival Pergolesi-Spontini, Teatro Comunale di Ferrara, Teatro dell'Aquila di Fermo, Teatro Verdi di Brindisi, Complesso Monumentale di Astino (per Expo 2015), Teatro Marrucino di Chieti, Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Sala Estense di Ferrara, Teatro Santa Chiara di Brescia, Sala della Musica di Ferrara, Teatro Diego Fabbri di Forlì, Festival Bergamo Estate, Festival Maria Callas, Teatro della Fortuna di Fano, Teatro Filarmonico di Verona, ecc. Considerata una delle vocalità più eclettiche della sua generazione, ha affrontato compositori lontanissimi fra loro per epoche e stili. Fra le opere interpretate figurano: Madama Butterfly (Suzuki) , Il Campanello (Madama Rosa) , Nabucco (Fenena), Albert Herring (Florence Pike) per la cui esecuzione è stata definita da Classic Voice "magnifica caratterista", Die Dreigroschenoper (Celia Peachum), La Traviata (Flora), Don Carlo (Eboli), Il Barbiere di Siviglia (Berta), Rigoletto (Giovanna/Maddalena), La favola di Orfeo (Driade/Baccante), L'Amico Fritz (Beppe), La Gioconda (Laura Adorno), Norma (Adalgisa), Cavalleria Rusticana (Mamma Lucia). Nel repertorio concertistico-sinfonico ha interpretato: Poèmes pour MI di Olivier Messiaen, Gloria di Vivaldi, Il Tramonto di O. Respighi, Quattro canzoni di Amaranta di Tosti, Tre sonetti del Petrarca di Liszt, Les Nuits d'été di H. Berlioz, Stabat Mater di Pergolesi, Canti per Sant’Alessandro di G. Gavazzeni, Messa di Requiem di G. Donizetti, Messa di Requiem di W.A. Mozart. Fra le prime esecuzioni assolute e nel repertorio contemporaneo ricordiamo in particolare: Missa Brevis di S. Ghisleri, Nel mondo di mezzo di S. Ghisleri, Eliot’s Cantata di L. Tessadrelli, Chiuso nel centro Orfeo di L. Di Giandomenico. Ha inciso Il Campanello di Donizetti per l’etichetta Bongiovanni. Ha pubblicato saggi, trattati e testi poetici per Progetto Cultura di Roma, Eco Edizioni Musicali e Franco Angeli. Dal 2014 ad oggi, sue esecuzioni sono state trasmesse con continuità dalla Rete Due della Radio Svizzera Italiana (trasmissione Il Ridotto dell'Opera). Da 4 anni è membro di giuria al Concorso Internazionale di Canto Lirico G. B. Rubini ed è stata membro di giuria al Concorso Ab Harmoniae Onlus-Sala A. Piatti a Bergamo. Fra le onoreficenze ricevute: 3 medaglie all’eccellenza per “meriti artistici nel mondo” dal Comune di Romano di Lombardia, Premio J.S. Mayr (2000) e Medaglia Gianandrea Gavazzeni (2016) per meriti artistici a coronare un percorso eclettico ed ancora “in fieri”.

Aggiornamento: febbraio 2017

QUOTES

"Quella di Elena Bresciani è una grande anima, generosa, entusiasta, impulsiva. Queste sue caratteristiche vanno a dominare il suo modo di cantare, appassionato, variegato, vincente. Per natura versata al belcanto, si industria in prima persona non solo a scoprirne i segreti, ma anche ad interpretarli e reinterpretarli secondo la propria sensibilità e fantasia, ma nell'immancabile rispetto della prassi e dello stile del tempo: così nell'esecuzione del Brindisi da Lucrezia Borgia di Donizetti "Il segreto per esser felici", in occasione di un recente concerto alla Società letteraria di Verona, si è autoscritta una ricchezza di note puntate e di colori che non sono apparsi come mero sfoggio virtuosistico ma che, raffrontate ai passaggi lugubri del coro sullo sfondo, finiscono coll'accrescere più la tensione e lo stridente contrasto che si realizza in scena: il rifugio di un' esistenza dissipata nei piaceri del lusso - quella di Maffio Orsini appunto, il personaggio interpretato - sotto la cupa incombenza dell'aldilà. Chi ha poi sentito l'interprete nella dolente pagina di Romeo, "Deh tu, deh tu bell'anima", dai Capuleti e Montecchi di Bellini può cogliere la seconda caratteristica che nobilitava i castrati di una volta. Accanto al proverbiale brillio di note, essi infatti sapevano mordere le corde dell'anima con il lacerante patetismo del loro canto. "
GIORGIO APPOLONIA - Il Ridotto dell'Opera, Rete Due - Radio Svizzera Italiana

'Definire Elena Bresciani una brava "artista del canto" sarebbe oltremodo riduttivo. Quello che in lei colpisce non è solo la qualità di una voce calda, morbida e avvolgente, piegata con maestria ai dettami della tecnica e dell'interpretazione lirica, ma la completezza del suo vivere il teatro. Con entusiasmo, e da vicino, l'abbiamo vista entrare dentro i personaggi più disparati, mordere il palcoscenico con l'energia ed il carisma di una grande personalità. Ci siamo innamorati della sua intelligenza e della sua cultura, della sua voglia di sperimentare, di scavare dentro le cose, e di mettersi in gioco ad ogni nuova occasione senza mai risparmiarsi. Così l'abbiamo apprezzata nel novecento, nell'abito al contempo folle e razionale di una Baccante di Alfredo Casella, come nel regale tormento febbrile di una Principessa di Bouillon; ci ha trasmesso forti emozioni d'autentico romanticismo italiano nel repertorio belliniano e donizettiano; ci ha più volte strappato sorrisi memorabili come brillante caratterista: indimenticabile in Kurt Weill ed in Offenbach, in lei cogliamo il dono raro di chi sa costruire un rapporto con il pubblico, quell'intesa che è poi il senso stesso del teatro musicale.'
Filippo Tadolini - regista e direttore artistico di Forlì per Verdi

QUOTE PER IL RUOLO DI ADALGISA
FESTIVAL BERGAMO MUSICA ESTATE 2016
"Adalgisa ottima, trepida, passionale come deve essere, Elena snocciola le agilità con tecnica sicura, affronta la Norma importante, volitiva, imprevedibile negli slanci emotivi e vocali di Denia Mazzola Gavazzeni con audacia! Credo che le Orlandi, le Taccani, le Grisi dell'Ottocento si disimpegnassero così nell'affrontare la somma Giuditta Pasta, titolare dell'infernale ruolo belliniano. Nell'importante duetto con Pollione miss Bresciani si impone a fronte del robusto ma anche vocalista disinvolto Pippo Veneziano. Insomma... dovevate essere con noi quella sera a Bergamo!"
Giorgio Appolonia - RSI

Read more

Recent News

Discover Elena's coming up!
Scopri tutte le novità di Elena Bresciani.

Biografia breve aggiornata a febbraio 2017

Cantante lirica, intellettuale ed acquerellista italiana. Mezzosoprano, vincitrice di concorsi internazionali ha già cantato in Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Svizzera, Bulgaria, Albania, presso importanti sedi: Weill Recital Hall della Carnegie Hall di New York, Teatro Donizetti di Bergamo, Hertford Music Society di Oxford, Sala Alfredo Piatti di Bergamo, Varna Palace of Culture in Bulgaria, …
Read More

Elena Bresciani intervistata dalla RSI per il Requiem di Mozart

Elena Bresciani intervistata dalla RSI per il Requiem di Mozart Sabato 25 febbraio ore 13.30 – Il Ridotto dell’opera Rete Due RSI Il mezzosoprano Elena Bresciani, debutterà sabato 25 febbraio 2017 con il Requiem di Mozart (mezzosoprano solista), presso la Basilica di San Mercuriale a Forlì. L’artista sarà accompagnata dall’Orchestra Bruno Maderna e diretta dal …
Read More

"Quella di Elena Bresciani è una grande anima, generosa, entusiasta, impulsiva. Queste sue caratteristiche vanno a dominare il suo modo di cantare, appassionato, variegato, vincente."
– GIORGIO APPOLONIA - Il Ridotto dell'Opera, Rete Due - Radio Svizzera Italiana

Definire Elena Bresciani una brava "artista del canto" sarebbe oltremodo riduttivo. Quello che in lei colpisce non è solo la qualità di una voce calda, morbida e avvolgente, piegata con maestria ai dettami della tecnica e dell'interpretazione lirica, ma la completezza del suo vivere il teatro. (...) in lei cogliamo il dono raro di chi sa costruire un rapporto con il pubblico, quell'intesa che è poi il senso stesso del teatro musicale.
– Filippo Tadolini, regista e direttore artistico di Forlì per Verdi

"Magnifica caratterista"
– Classic Voice

"Un'ironia talmente divertente da strappare l'applauso sempre appartiene a Elena Bresciani"
– L'Opera, Claudia Mambelli

"Scintillanti luci della ribalta per Elena Bresciani, mezzosoprano capace di intensa espressività e in possesso di solida preparazione"
– La Voce di Mantova, Guido Mario Pavesi - Concerto a Teatro Bibiena